Cerca
  • Consiglio Direttivo

corsi per unità cinofile da slvataggio

CORSO FORMAZIONE UNITA’ CINOFILA SALVATAGGIO

UCSN- 2019

INDICE

L’unità cinofila da salvamento nautico

Condizioni preliminari per l’ammissione al Corso Formativo

• Requisiti del cane

• Requisiti del conduttore

• Attrezzatura

Percorso formativo

• Lavoro a terra

• Lavoro in acqua

L’UNITÀ CINOFILA DA SALVAMENTO NAUTICO

L’Unità Cinofila (U.C.) da Salvamento nautico, è composta da 2 elementi: il cane ed il suo conduttore. Questi elementi operano assieme in armonica efficienza, con lo scopo di salvaguardare la vita umana in acqua.

Per raggiungere questo obiettivo, il Conduttore Cinofilo deve essere in possesso del Brevetto di Assistente Bagnanti e in possesso dell'attestato BLS-D (Brevetto Operativo).

Il Brevetto Ludico-Sportivo si consegue seguendo la stessa formazione prevista per il Brevetto Operativo: la differenza è data dalla non necessità, per il solo conduttore, di conseguire il Brevetto di Assistenza Bagnanti e l’Attestato BLS-D.

Il cane deve essere equilibrato nel carattere e nel comportamento, socievole nei confronti delle persone, controllato nei confronti dei suoi simili. Nelle attività̀ di sorveglianza e soccorso, come nelle attività̀ di promozione, dimostrazione e sensibilizzazione dell’opinione pubblica, deve essere un esempio di addestramento ed educazione.

CONDIZIONI PRELIMINARI PER L’AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO

REQUISITI DEL CANE

• Aver compiuto almeno 6 mesi di età̀;

• Avere un peso minimo di 20 kg;

• Essere in possesso di certificato medico attestante la buona salute del cane e di un ECG che ne

dimostri l’esenzione da vizi cardiaci;

• Non avere problemi nell’entrare in acqua (in particolare in mare seppure con moto ondoso nullo o quasi nullo).

REQUISITI DEL CONDUTTORE

• Età̀ non inferiore ai 18 anni;

• Abilità nel nuoto;

• Certificato medico per attività sportivo-agonistica (La certificazione per l’attività sportiva di

particolare ed elevato impegno cardiovascolare è obbligatoria ed è regolamentata dal Decreto del Ministro della Salute del 24 aprile 2013).

• Essere stato sottoposto a profilassi vaccinale per la copertura contro:

§Leptospirosi (richiamo ogni sei mesi);

§Cimurro (richiamo annuale);

§Parvovirosi (richiamo annuale);

§Epatite infettiva (richiamo annuale);

§Rabbia (richiamo ogni 11 mesi o 35 mesi a seconda se vaccino annuale o triennale).

Pur se non obbligatorio, è raccomandato l’esame radiografico agli arti per la displasia di anca e gomito. La responsabilità̀ della salute, del benessere e della forma fisica del cane devono essere garantiti dal proprietario.

2

Per l’ottenimento del brevetto operativo, il conduttore dovrà conseguire l’ attestato di qualifica “operatore di primo soccorso” BLS-D e brevetto, in corso di validità, di abilità nel nuoto per salvamento oppure assistente bagnante o equivalente riconosciuto.

ATTREZZATURA

Per le prove di abilitazione ad operare, i Conduttori devono presentarsi con adeguata muta subacquea, mentre il cane deve essere munito di adeguato guinzaglio e collare (non a strozzo o semi strozzo) o pettorina e di un’imbracatura per il lavoro in acqua. Quest’ultima, indispensabile per operare, potrà essere acquistata per il tramite degli Istruttori dell’UCSN o in forma autonoma secondo le specifiche indicate da questi ultimi.

PERCORSO FORMATIVO

LAVORO A TERRA

Per poter accedere al percorso formativo in acqua, il cane deve aver sostenuto uno specifico percorso educativo e di addestramento a terra al fine di acquisire le abilità e competenze necessarie orientate ad incentivare la pro-socialità, la collaborazione con il conduttore durante l’intervento e la motivazione all’attività (Educazione di base e controllo).

In particolare, il percorso addestrativo a terra dovrà essere finalizzato al superamento delle seguenti prove:

1. CONDOTTA:

I cani saranno condotti senza guinzaglio, allo scopo di dimostrare l'affiatamento della coppia uomo/cane ed il controllo del conduttore sul cane. Detta condotta non deve necessariamente rispondere agli standard dell'obedience, in quanto il suo unico scopo è quello di dimostrare il livello di educazione e di socializzazione raggiunto dai cani stessi; in tale quadro, il cane potrà essere condotto in qualsiasi posizione (destra o sinistra) ed anche a breve distanza dal conduttore (max 1 mt.), avendo solo cura che segua spontaneamente quest'ultimo e che non interagisca con gli altri cani o persone posizionate appositamente per creare uno stimolo simile a quello nel quale il cane sarà soggetto quando chiamato ad operare sulla spiaggia. Il conduttore deve essere in grado in ogni momento di far eseguire al cane, su richiesta dell’Istruttore, gli esercizi del “seduto”, “terra”, “resta”, “vieni”. Il percorso prevede la condotta a passo normale, lento e di corsa.

2. GESTIONE:

Il cane dovrà̀ accettare la presenza di persone estranee che lo accarezzano ed interagiscono col suo conduttore, senza mostrare paura, aggressività̀ o comportamenti invadenti, quali, saltare addosso o abbaiare insistentemente. Dovrà̀ dimostrare di avere un comportamento appropriato anche in presenza di un altro cane , senza far nulla che interrompa la conversazione e non mostrando aggressività̀, né atteggiamenti giocosi o di paura nei confronti dello stesso.

3. AUTOCONTROLLO:

Il cane deve dimostrare la sua abilità nel dominare forti stimoli improvvisi. L’Istruttore indurrà detti stimoli, come ad esempio un uomo che corre, un rumore improvviso, o il lancio di una pallina, ai quali il cane non dovrà reagire correndo, scappando o rincorrendo l’oggetto, cosi come non dovrà

3

mostrare di essere preso dal panico o manifestare aggressività̀. E’ accettato che il cane dimostri una moderata eccitazione ed un normale interesse per quello che accade.

4. SEPARAZIONE:

Il conduttore deve poter affidare il cane (in questa occasione al guinzaglio) ad un estraneo amichevole allontanandosi fuori dalla vista del cane per almeno tre minuti. Il cane seppur può̀ mostrare una moderata agitazione e nervosismo non deve abbaiare continuamente, gemere, piangere o tirare al guinzaglio. La gestione del cane da parte dell’estraneo deve essere semplice.

5. GIRA INTORNO

L’esercizio è propedeutico ad analogo esercizio che viene svolto in acqua, laddove il cane deve girare intorno al figurante e non dirigersi addosso allo stesso. Per esercitare tale competenza, sul campo di esercitazione a terra verrà posto un singolo cono a distanza di 5 m da dal binomio: il conduttore dovrà chiedere al cane di raggiungere in linea quanto più possibile retta il cono, girargli intorno e tornare nella posizione di partenza. Per l’esecuzione dell’esercizio il conduttore potrà usare comandi vocali e gestuali.

6. GYM DOG

L’addestramento al superamento degli ostacoli previsti da un’altra disciplina cinotecnica, appunto la Gym Dog, è utile al fine di accrescere le competenze del cane e l’autostima dello stesso nonché la fiducia nel proprio conduttore. Il superamento di eventuali fobie, come ad esempio l’ingresso in un tunnel apparentemente cieco, su pavimentazioni mobili (altalena) o l’arrampicamento su una palizzata, o esercizi di equilibrio come ad esempio il passaggio su una bascula rendono il cane più sicuro e pronto ad affrontare eventuali ostacoli naturali.

Nelle sessioni di addestramento a terra, il cane dovrà indossare l’imbracatura prevista per il lavoro in acqua; ciò al fine di creare una normale abituazione del cane ad operare con indossata l’attrezzatura prevista.

LAVORO IN ACQUA:

• Cane e conduttore dovranno effettuare sulla riva un tragitto di corsa di 100/150 metri circa, con "figuranti" sparsi lungo tutto il tragitto al fine di simulare la massima capacità dell'unità di operare sulla spiaggia.

• Salvataggio di un pericolante (con tecnica a delfino): Il pericolante simula l'annegamento a una distanza di 50/100 (max)metri circa. Il cane e il conduttore dopo una breve corsa entrano in acqua; il cane "traina" il conduttore nella fase di avvicinamento al pericolante consentendo al conduttore un risparmio di energie per il recupero del pericolante. Una volta effettuato il recupero il conduttore darà al cane il comando di rientro (Riva). Quando l'unità cinofila avrà riportato il pericolante a terra e lo avrà posto in posizione di sicurezza l'esercizio sarà terminato.

• Salvataggio di due pericolanti (nuoto con cane in prossimità del conduttore che può, o meno, indossare le pinne): Due pericolanti distanti l'uno dall'altro 30/50 metri circa ad almeno 100 metri dalla riva simulano l'annegamento simultaneo. Il conduttore, con il cane che nuota in prossimità dello stesso, soccorrerà il primo figurante; assicurato il pericolante ad una maniglia

4

dell'imbracatura del cane, il conduttore si dirigerà sull'altro figurante (il quale simulerà azioni che mettano in difficoltà il soccorritore) e dovrà afferrarlo con presa decisa. Recuperati i due figuranti, il conduttore chiamerà a se il cane che dovrà trainare il conduttore e i due figuranti a riva.

• Salvataggio di pericolanti con mezzo di soccorso: Un pericolante simula l'annegamento a 150 (max)metri circa dalla riva, cane e conduttore salgono velocemente su un mezzo di soccorso condotto da personale qualificato (Pattino, Gommone ecc.). A circa 10 metri dal figurante il soccorritore si dovrà tuffare assieme al cane senza mai perdere di vista il pericolante. Nuotando accanto al cane lo afferrerà e, a sua scelta, in base alle condizione di quest'ultimo, potrà decidere se issarlo sul mezzo di soccorso o riportarlo direttamente a riva.

• Rimorchio di imbarcazione a riva: Due persone a bordo di una imbarcazione simulano un'emergenza generica con impossibilità di rientro a riva. Cane e conduttore si avvicineranno al mezzo e chiederanno alle persone a bordo di lanciare una cima, la quale dovrà essere legata a un moschettone e agganciata al cane oppure trascinata a bocca fino a riva.

• Nuoto con più unità cinofile: Più unità cinofile partiranno da riva tutte assieme e si porteranno a 50/100 (max)metri dalla riva. Un istruttore su imbarcazione o a terra chiederà alle unità alcuni esercizi da svolgere. La sessione avrà una durata di 20 minuti per constatare l'affiatamento conduttore/cane.

TEAM UCSN




9 visualizzazioni

Unità Cinofila Salvataggio Nautico sede legale in via porto di Cavallaia 78c Fucecchio (FI) Italy Tel. 3200159027

Seguici su:

  • Instagram - Black Circle
  • facebook-square
  • youtube-square